marted́ 16 luglio 2019

15/2009 Approv. Regolamento mensa e servizi scolastici

MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 15/2009

Concernente l'approvazione del regolamento della mensa e dei servizi scolastici

 

Signor Presidente,
Signore e Signori Consiglieri comunali,

L'ex comune di Peccia con l'apertura del centro della protezione civile a San Carlo un ventina di anni fa aveva istituito la mensa scolastica per la scuola dell'infanzia e a copertura parziale delle spese aveva stabilito, come avviene in tutte le sedi SI, di chiedere una modesta partecipazione alle famiglie. Anche per la mensa del nuovo centro scolastico di Sornico si procederà in tal senso, ma poiché il prelievo di tasse relative ai servizi scolastici necessita di una specifica base legale, come prescritto dall'art. 186 LOC, il Municipio ha allestito l'apposito Regolamento che stasera sottoponiamo alla vostra attenzione. L'adozione di una normativa specifica a livello comunale e consortile su questo tema è stata peraltro oggetto di una raccomandazione indirizzata dal DECS a tutti i comuni e consorzi scolastici a complemento di quanto previsto dall'art. 39 della legge SI e SE.

Una tassa giornaliera (attualmente di 10 fr. al giorno) è pure chiesta ai genitori per le uscite fuori sede che il nostro istituto organizza ogni anno per gli allievi del secondo ciclo.
Le spese per il trasporto, inevitabile nella nostra realtà geografica, sono invece interamente a carico del Comune.

Nella scuola dell'infanzia la mensa è da considerare un momento educativo integrato nell'attività scolastica.

L'apertura della mensa agli allievi SE, oltre che a docenti e dipendenti comunali, costituisce invece un sostegno soprattutto alle famiglie i cui genitori per motivi di lavoro, di salute o altro non possono essere presenti a casa durante la pausa del mezzogiorno.

L'affluenza attuale (in alcuni giorni anche 7-8 allievi SE + alcuni docenti) è la prova di quanto esso sia apprezzato.

Il Municipio è convinto dell'importanza di tale servizio e si impegna a mantenerlo, ma ritiene giustificato un adeguamento delle tasse all'indice dei prezzi al consumo e nel contempo a quelle in uso nelle altre realtà scolastiche della Vallemaggia.

Per snellire la contabilità ha pure deciso di applicare, per la frequenza della mensa della scuola dell'infanzia, una tariffa mensile (e non più giornaliera come finora) stabilita su una media di quattro presenze alla settimana, come avviene nelle altre sedi valmaggesi.

Le tariffe tuttora in vigore nel nostro comune e che prevedono un prelievo di 2.50 fr. al pasto per gli allievi SI e di 4 fr. al pasto per ogni allievo SE, sono state stabilite parecchi anni fa, non hanno mai subito mutamenti e chiaramente oggi sono un po' troppo basse.

Si ritiene dunque che gli aumenti proposti per i pasti e per la scuola fuori sede siano più che giustificati e sostenibili da tutte le famiglie, pur considerati l'attuale difficile momento economico e i costi supplementari derivanti dalla perifericità della nostra valle.

Considerato quanto esposto sopra il Municipio invita dunque il Consiglio comunale a voler

risolvere:


1. È approvato il Regolamento comunale della mensa e dei servizi scolastici


Per il Municipio

Il Sindaco: Michele Rotanzi

Il Segretario: Bruno Giovanettina

 

Lavizzara, 12 maggio 2009

 

Il messaggio è demandato alla Commissione delle petizioni per l'allestimento del relativo rapporto.

stampa questo articolo